fbpx

Come vestirsi per una giornata di sci: la regola dei tre strati

Si sa, il tempo in montagna è sempre imprevedibile e scegliere l’abbigliamento giusto è importante per non patire il freddo, la pioggia, il vento o altre condizioni meteorologiche che possono verificarsi all’improvviso. Specialmente se dobbiamo affrontare un’attività sulla neve, come una giornata di sci alpinismo, è essenziale avere un abbigliamento adeguato alla situazione.

Tutte le mamme e le nonne a questo punto diranno che basta vestirsi “a cipolla” e andrà tutto bene, ma cosa significa davvero vestirsi a cipolla? Esiste una regola, quella dei tre strati, che è utile seguire quando si pratica una qualsiasi attività all’aperto, in montagna o sulla neve.  Uno strato interno per asciugare e allontanare il sudore dalla pelle, uno strato intermedio per trattenere calore e uno esterno per proteggerti dal vento o altri agenti atmosferici.

STRATO INTERNO: BASELAYER

Durante una qualsiasi attività in montagna, pensiamo allo sci alpinismo ad esempio, il nostro corpo tende a surriscaldarsi molto velocemente portando ad una elevata sudorazione. Il sudore entrando a contatto con l’aria, solitamente a temperature inferiori, si condensa e si trasforma in acqua che resterà a contatto con la pelle. Avere una maglietta bagnata quando si è all’aperto e a temperature basse porterà solo a patire di più il freddo perché il sudore rimane a contatto con la pelle.

Ecco allora che entra in gioco il primo strato, quello interno o detto anche baselayer. La sua funzione principale è quella di asciugare e assorbire il sudore prodotto dal nostro corpo permettendoci di rimanere asciutti.

Solitamente, è sconsigliato l’utilizzo del cotone come strato interno, in quanto è un materiale troppo assorbente eintimo-hey ci impiega molto tempo ad asciugarsi. Oggi i baselayer più performanti sono realizzati in polipropilene, materiale ideale nell’attrarre l’umidità al di fuori del capo allontanandola dalla pelle, unito a poliestere e/o nylon, che contribuiscono al mantenimento della temperatura corporea. Questi ultimi sono oggetto di ricerca crescente per lo sviluppo di proposte ecosostenibili: l’Econyl®, ad esempio, è un nylon rigenerato brevettato creato partendo da scarti che nessuno usa più, e riciclabile all’infinito.

Per una scelta sostenibile, scopri il nuovo intimo termico unisex Hey in Econyl®.

 

 

STRATO INTERMEDIO: MIDLAYER

La funzione dello strato intermedio è quello di trattenere quanto più calore possibile emanato dal nostro corpo. Rispetto allo strato interno, per il midlayer non ci sono indicazioni sul tipo di materiale da utilizzare, piuttosto bisogna tenere conto del tipo di attività che si va a svolgere e al clima esterno.

  • Se si pensa di sudare molto e la temperatura all’esterno è elevata, ad esempio, lo strato intermedio non è essenziale, ma è importante portarlo comunque con sé in caso le temperature di abbassino.
  • Per un clima fresco, il pile invece è ottimo per trattenere il calore e allo stesso tempo allontana l’umidità dal nostro corpo. Scopri qui la nostra scelta per i pile Hey donna e pile Hey uomo.
  • In situazioni di freddo intenso, l’utilizzo di un piumino leggero, o down jacket, potrebbe essere la scelta vincente. Sono molto isolanti e occupano poco spazio. Attenzione però a non bagnarli perché se l’imbottitura all’interno si bagna perde la sua qualità isolante. Scopri qui la nostra scelta di piumini Hey donna e piumini Hey uomo.

piumino-hey

 

STRATO ESTERNO: OUTLAYER

L’ultimo strato, quello esterno, ha la funzione di proteggerci dagli agenti atmosferici come vento, pioggia e neve. Deve essere quindi impermeabile e traspirante, in modo da tenerci asciutti e caldi. Ci sono diverse membrane per garantire impermeabilità e traspirabilità, ma tutte lavorano per osmosi, sfruttando il delta di calore e umidità tra esterno e interno del capo. L’impermeabilità viene garantita anche tramite l’impiego di accessori e lavorazioni specifiche, come le zip waterproof e le termonastrature di cuciture e ricami.

Scopri qui le nostre scelte per i gusci Hey unisex.

Per una giornata classica di sci, la giacca può fungere sia da strato intermedio che da quello esterno e può quindi combinare isolamento e protezione da agenti esterni.

Scopri qui la selezione per le giacche da sci Hey donna e giacche Hey uomo.

giacca-hey

 

guscio-hey

 

 

 

 

 

 

 

Ora siete pronti per andare a fare una lezione di abbigliamento alle vostre mamme e alle nonne…niente più “vestirsi a cipolla”! E se vi manca ancora qualche capo di abbigliamento, approfittate ora dei saldi Hey.

 

 

CONDIVIDI L'ARTICOLO!

add comment